Straight to the point

Anche a Londra, i primi di Febbraio, il mondo del commercio tenta di racimolare qualche soldo con la cosiddetta festa degli innamorati. Compaiono qua e là — devo dire blandamente — consigli per gli acquisti, e alcuni locali espongono dei menù speciali per l’occasione.

Ma si respira l’aria di una festa un po’ sfigata. Anche la presa nell’immaginario collettivo mi pare malferma. Oggi un mio collega ha acutamente osservato: quanto la pubblicità dice “fai una sorpresa a una persona speciale, regala questo dvd!” intende dire: “se proprio non sai che cazzo fare, con questo dvd ti salvi la faccia“.

Come dargli torto.

Ma fra le varie iniziative, quella che più colpisce è la promozione della Durex, che troneggia all’ingresso dei vari negozi della catena Boots. Si tratta di giganteschi espositori con su scritto “Per S.Valentino, prendi 2, paghi 1!”.

Quando si dice il pragmatismo anglosassone.

5 commenti su “Straight to the point

  1. io ho trovato una persona (in realta tanti) che festeggia questa festa con un motivo: i ternani. S. Valentino è stato vescovo di Terni e ne è il patrono. Però anche il ternano che conosciamo noi (E.C.), si limiterà a regalare alla sua ragazza un orsacchiotto ripieno di cioccolatini… beh che dire..

  2. Le mie coinquiline vogliono che le porti a cena fuori.
    A parte che non e’ chiaro CHI poi debba pagare, ma sicuramente sara tutto stra-prenotato…

    Comunque con San Valentino e’ la solita storia. Se uno compra il regalo va tutto ok, se invece non lo compra, hai voglia ad appigliarti alla difesa del “tanto e’ una festa commerciale”…

  3. Emiliano, Insisti che in Giappone sono le ragazze che regalano il cioccolato, non viceversa!!!

    Dave, ma la commercializzazione di S. Valentino è anglosassone!! Se non lo fanno in Inghilterra/USA, allora dove?

  4. Sarà poco romantico ma ricordo quando sono andato a Londra la prima (e unica 🙁 ) volta (avevo 17 anni) che proprio da Boots ho visto per la prima volta i Durex ed ho pensato “ma chi è quell’imbecille che ha pensato ad un nome così per ‘sta roba”?!?!? 😀

    Vabbè…sorvoliamo.

    Happy_Emi … concordo nel dire alle tue coinquiline che il cioccolato lo devono regalare LORO a te 😛
    Magari in questo modo: “mah…sai ne ho fatto troppo e quindi….”(cit.)

    … e aggiungo anche una “citazione colta” dal nostro amato “Pennellone” che faceva dire ad un suo personaggio: “Aaahh!! La figura di spalle di una ragazza mentre cucina….” 😉
    Happy Emi…sei in queste condizioni? 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *