The world is your oyster (card) / 2

Eravamo rimasti a quando, per risparmiare pochi spiccioli, mi ero fatto una lunga deviazione fino ad Aldwych per prendere l’autobus. Dopo venti minuti di camminata e dieci minuti che aspettavo al freddo, mi stavo quasi pentendo: con la metro, a quell’ora ero già arrivato.

Quando poi l’autobus arriva, tutti entrano e passano la Oyster: bip! bip! bip! Arrivo io e: bop! Pallino rosso. A volte il segnale non prende bene: la ripasso due o tre volte: bop! bop! bop!

L’autista, con sguardo rassegnato e scuotendo la testa — senza neanche tentare la comunicazione verbale — mima, sfregandosi il pollice sull’indice e il medio, il gesto internazionale della moneta. Trattato dunque come il più cretino dei turisti scemi, caccio fuori questi due pound, e faccio il biglietto singolo. Sì, pagando più di quanto avrei speso per la metro, che dopo le 19 costava 1.50£!

Cos’era successo? Semplice: le carte ricaricabili si chiamano così perché, ogni tanto, vanno ricaricate… ed io ero rimasto senza soldi.

Per aggiungere la beffa al danno, giunto in prossimità di casa mia, e della stazione della metro cui sarei arrivato, l’autobus sterza bruscamente e si allontana di gran carriera, lasciandomi a due o tre attraversamenti pedonali di distanza.

Insomma, ho fatto pensate migliori in vita mia.

3 commenti su “The world is your oyster (card) / 2

  1. Ahahah dai poteva andare peggio 🙂
    Ad esempio potevi non avere nemmeno i soldi dietro e a quel punto dovevi fartela a piedi 😛

    Comunque capita che a furia di “galvanizzarsi” con l’uso della tecnologia al servizio della comodita’, ci si scordi che dietro dietro c’e’ l’impiego della moneta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *