Se questa è una mostra

Non ve la voglio fare tanto lunga su Banksy: prima di venire qui non sapevo chi fosse, ora so che è graffitaro, genio, anonimo e molto popolare. Girellando su Internet trovate tutto il resto.

È da tanto che mi riprometto di farmi un giro per Londra alla ricerca di qualche sua opera, prima che le cancellino come spesso accade. Un paio di settimane fa mi è invece piovuta una opportunità molto più ghiotta: il Cans Festival.

Trattasi di una sorta di “mostra” di graffitari da tutto il mondo, invitati da Banksy in persona. La data era stata annunciata tramite volantinaggio mentre il luogo è rimasto segreto fino all’ultimo per preservare l’identità degli artisti e/o perché fa molto più fico.

Il posto si è rivelato essere un tunnel in disuso dietro la stazione di Waterloo. Oltre ai graffiti e agli stencil c’erano anche delle “sculture”, per lo più composte da macchine in rottamazione opportunamente graffitate, e delle vere e proprie scenografie satiriche, come il parco giochi militarizzato.

Ecco alcune foto che non rendono certo giustizia all’evento, ma spero che possano almeno darne un’idea.

11 commenti su “Se questa è una mostra

  1. @squibs, è stata davvero spettacolare: c’era una fila lunghissima per entrare.
    L’unica nota dolente è che questi graffiti già non esistono più… Io non mi rassegno al fatto che certe opere siano così effimere…

  2. come non esistono più?? Ma se era un tunnel abbandonato!

    Cesrto, che differenza con quegli idioti che qua in Italia imbrattano il primo muro pulito che vedono e si fanno chiamare graffitari! vorrei vedere uno di quei “lotta armata 4 evah!!” a fare qualcosa di minimamente paragonabile a questi!

  3. Allora, chiarisco: la mostra durava solo tre giorni, dopo i quali sono state rimosse tutte le cosiddette “sculture”. Sono rimasti i graffiti i quali, stando al proprietario del tunnel, non verranno cancellati intenzionalmente per almeno 60 giorni; se poi nel frattempo ci rigraffitano sopra, è un altro discorso…

    @G.S.: ricordi i graffiti che avevamo nel tunnel vicino casa? Ce ne erano alcuni veramente belli, anche lì…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *