Concezione partenopea

Abbuffarsi di squisiti antipasti che preludono a primi di pesce o Vere Pizze™; terrorizzarsi nel ruolo di passeggero di macchine lanciate a folle velocità fra vicoli strettissimi; fare shopping; visitare rovine archeologiche come pure musei virtuali; svegliarsi al suono degli zampognari; farsi un bagno di folla nella via dei presepi.

Insomma, se non fosse stato per il maltempo, sarebbe stata una tipica visita a Napoli.

4 commenti su “Concezione partenopea

  1. strunz chi t’ha ‘itt ca putiv’ fa’ ‘e ffotografij? ca fernisc’ a ccarn’ ‘e maciell’ si nun cacc’ ‘e sord’, ca te crir’ ca t’ po’ permetter’ ‘e verni’ bbasc’ napul’ cu sta sfaccimm’ e machinett’ pi fotografije e nun tin manc’ a pava’ na lir’.

    cacc’ i sord’ strunz ca si no’ ‘u sapimm aro’ staje ‘e cas’ te facimm’ scurda’ ‘e esser’ nat’. t’appicciamm’ u negoz’ e pur’ ‘u laborator, te facimm fa ‘u scont si faj ‘u bbrav’ ma cacc’ ‘e sord ca sinno succer’ u patatrac’.

    nun c’abbastav’ e ce manna’ a munnez’ ra part’ ‘e copp’ mo’ ce mannan’ pur’ i strunz’ co ‘e machinett’ ca se creren’ ca ponn fa’ ‘o cazz ca lle par’.

    apprepar ‘e sord’, cazz chin ‘e acqu’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *