Io, novello Chichibio

Ti immagini un ricercatore come una persona completamente avulsa dalla realtà, con la testa fra le nuvole, rinchiusa a doppia mandata nella sua torre d’avorio, beatamente all’oscuro del mondo circostante. E non è che ci vai lontano.

Tuttavia la vita è strana e in questi ultimi anni, per vie traverse, ho avuto di tanto in tanto la possibilità di entrare in contatto con il fantastico mondo, piuttosto poco astratto, della movimentazione merci. Ho visto catene di imballaggio, visitato enormi magazzini ultra-tecnologici — e sono perfino finito in una surreale Fiera della Logistica, dove ragazze in mise succinta promuovevano carrelli elevatori.

Tutte esperienze che — quale in un verso, quale nell’altro — mi hanno fatto riflettere molto.

L’apice di questo percorso però l’ho raggiunto pochi giorni fa quando, un po’ a sorpresa, ho avuto la possibilità di manovrare il mezzo più grande che mi capiterà mai di avere fra le mani, un bestio alto 60 metri, e cioè una gru, ma di quelle anche capaci — dio ci perdoni — di muoversi su gomma all’interno del piazzale. Anche solo assistere a questa manovra mi ha fatto venire quel che di strizza, perché è come essere a bordo di un camion la cui cabina è a 20 metri dal suolo.

Non perdetevi il breve fotoracconto di questa esperienza:

Nota: i commenti che non trasudano invidia saranno ritenuti non sinceri.

6 commenti su “Io, novello Chichibio

  1. Io vorrei più che altro capire come ci sei finito sulla gru che tutti da piccoli usevamo per giocare….ma non ricordavo fosse così grande! 😛

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *