Da che pulpito

Qualche giorno fa stavo mangiando un boccone con Elisa al Pret di Marble Arch. (Il motivo per cui eravamo lì verrà affrontato in un post venturo.) Ad un tavolo vicino al nostro, si trovava una combriccola a dir poco bizzarra, all’incirca così composta: un signore che sembrava uscito da una stampa sui vecchi lupi di […]

Habemus tablet

Questa è davvero buffa. Tutto è cominciato martedì sera quando, verso le cinque e mezza, è spuntato un messaggio nel newsgroup dell’uffico, che linkava la seguente notizia: “Hp Touchpad a 89£ anche in Uk, dalle ore 18 sul sito di Dixons, da domani nei negozi”. Cos’era successo: la Hewlett Packard aveva da pochi giorni annunciato […]

I pantaloni lunghi all’improvviso

Alcune persone non sembrano curarsi minimamente del clima. Per loro, anni fa, coniai il termine meteoromenefreghisti. Poiché a queste latitudini abbondano, ho avuto modo di studiarli meglio ed ho concluso che si dividono in due categorie ben distinte: alcuni onorano un clima idealizzato e stereotipato esistente soltanto dentro di loro; sono quelli che di inverno […]

La nascita del caffè rosso

Con la sorpresa tipica dell’italiano abituato ad una concezione puramente artigianale della ristorazione, ho scoperto che possono esistere catene di ristoranti che — invece di farti sentire parte di una catena di montaggio alimentare — riescono ad offrire cibo tutto sommato dignitoso in un’atmosfera piacevole. Uno di questi posti è la catena di bistrot francesizzanti […]

Lo stakeholder della palestra sotto casa

“E c’è anche la palestra sotto casa!” avevamo detto all’unisono al momento di elencare tutti i vantaggi della nuova abitazione — glissando ovviamente sul fatto che a noi, le palestre, non ci sono mai andate tanto a genio. Il nuovo anno, però, insieme alla minaccia dei trent’anni e all’eredità della panza da cenone, ha portato […]