Un posto un po’ strano

“Guarda che è un posto davvero strano!”

Continua a ripeterlo per cui comincio quasi a inquietarmi. Lui è un mio collega di origini italiane, nonché l’unica persona che mi venga in mente di cui faccio fatica a stare al passo. Gli ho appena dato carta bianca per il pranzo, e lui mi ha proposto un coreano — un invito a nozze, salvo continuare a ripetermi: “è un posto un po’ strano”.

Mentre sono lì che lo rincorro col fiatone, all’improvviso svoltiamo e, senza che me ne renda conto, ci ritroviamo in un deserto minimarket orientale. Un anziano signore, che non ha l’aria di parlare l’inglese, ci scruta placidamente.

“Non c’è molta scelta”, mi dice il collega, indicando la cassa. Io dapprima vedo alcuni obento take away e per un attimo penso che sia quella la particolarità del posto. Invece mi stava indicando un minuscolo fogliettino attaccato con lo scotch, sul quale sono indicati due piatti: uno di riso con condimento misto, e uno di riso con maiale.

Ne scegliamo uno per uno e paghiamo, dopodiché il mio collega si addentra nel locale e, giunto in fondo, comincia a scendere per una stretta rampa di scale. Lo seguo senza avere il tempo di raccapezzarmi.

Al piano di sotto mi ritrovo senza preavviso in una stanza chiassosa, piena di persone sedute strette intorno a dei tavoli. Sono quasi tutti studenti, in prevalenza orientali.

Ci sistemiamo su un minuscolo tavolino per due persone, miracolosamente libero. Un cameriere passa, ci prende lo scontrino, e dopo poco torna con i nostri piatti. Nel frattempo ho avuto modo di guardarmi intorno e notare che le pareti sono completamente ricoperte da scaffalature piene di videocassette, ognuna col dorso diligentemente scritto a mano in quello che sembra — pensate che occhio — coreano.

“Non si sa cosa contengono” mi dice rassicurante il mio amico.

Mi tornano davanti agli occhi le pagine del libro di storia delle medie, alla voce “carboneria”. O le distillerie clandestine nella Chicago del proibizionismo. Ora, quale sia lo status legale di questo posto non lo so e non lo voglio sapere; di sicuro ammetto che sia strano.

12 commenti su “Un posto un po’ strano

  1. Waaaaaaa ma che figata di posto 🙂
    Se mai il cdr diventera’ illegale e dovremo riunirci in segreto, sara’ quello il locale che prendera’ il posto del Chicchessia come “locale dove cenare sempre(TM)”

  2. se sei qui a raccontarlo, è probabile che quelle videocassette non contengono korean snuff movie (con vittime italiane, obviously) ambientati in quella insolita trattoria… scherzo. 🙂

    èv a nais dei.

  3. secondo me le videocassette contengono corsi di cucina coreana, con specialità “locali” (si, gli avventori…)

    ciao Dave! bello avere tue notizie! 🙂

  4. Ah, era recensito sull’ultimo Time e dicevano che era assolutamente delizioso. E 25 $ per un piatto principale è nella media a Londra, no?

    (ps Eli! lo raggiungi presto o sei già là?)

  5. Cristina, per ora mi tocca stare qua al lavoro… Ma qualche week-end londinese non me lo toglie nessuno!

    [look, è che le videocassette non sfamano 😉 ]

  6. @Roxane: chi si sente! Benvenuta!

    Il cibo era senza infamia né lode, un posto dove mangiare velocemente e a poco.

    @giacomo: se mi prendo una di quelle videocassette puoi stare sicuro che vengo fermato e arrestato dalla polizia appena esco 😀

    @cristina: grazie della dritta; il posto che dici non sembra così lontano, ci potrei portare elisa quando viene…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *