Fuori luogo

Come in tutte le grandi città, anche qui il buon senso detta alcune precauzioni: non allontanarsi mai dalle zone più trafficate, sapere sempre dove ci si trova, essere vigili, mostrarsi sicuri e tenere le mani libere.

Spero pertanto che risulti comprensibile il sottile senso di inquietudine che mi ha avvolto allorché mi sono ritrovato in una strada ignota in piena zona 3, deserta e scarsamente illuminata, ad aspettare un autobus con in mano un pesantissimo bustone dell’Ikea.

Sono sicuro che quelle villette a schiera appaiano ridenti in pieno giorno, ma in quel momento avevano l’aria di essere disabitate ed apparivano un po’ sinistre. Le uniche persone nei paraggi erano due ragazzi che facevano una pigra spola fra una casetta e un furgone malconcio, caricando dei mobili vecchi, come sciacalli depressi di una ghost town.

Per una volta, se non altro, non era colpa mia. L’Ikea si trova in un cul de sac per cui non è facile capire in che direzione vadano gli autobus di passaggio. Però dopo aver chiesto all’autista se l’autobus andava a Tottenham Hale — dove avrei preso la metropolitana — ed essermi sentito rispondere di sì, ero salito tranquillo.

Ancora più tranquillo ero stato quando l’autobus si era effettivamente diretto dalla parte giusta.

Meno tranquillo ero diventato, invece, quando un paio di passeggeri perplessi si erano avvicinati a chiedere all’autista: “ma questo qui non doveva andare dall’altra parte?”

Mi sono finalmente cominciato a preoccupare quando suddetto autista, senza dire niente, ha fatto una bella inversione ad U e ha cominciato a portarmi verso destinazioni ignote.

Sono sceso dunque alla prima fermata, dove c’erano non uno, ma addirittura due autobus che andavano nell’altra direzione. Peccato che per il troppo traffico non ce l’ho fatta ad attraversare in tempo. Dopodiché se ne sono andati sia gli autobus, sia il traffico, e io sono rimasto in culo al mondo con un bustone dell’Ikea in mano.

13 commenti su “Fuori luogo

  1. Effettivamente la In culo al Mondo Street sembra sinistra anche di giorno…e poi, com’è finita ???

    Mi paleso solo ora ma “ti leggo sempre” come una vera fan!

  2. Non è che ti trovavi dalle parti del number 4 Privet Drive, e magari avevi molto freddo accompagnato anche da una sensazione di tristezza!!!

  3. @annalisa: non sai quanto mi faccia piacere… per gli autografi, vi faccio sapere al più presto 😉

    @Squibs: un po’ al freddo sono stato, poi è arrivato l’autobus a salvarmi e, @OsteLinus, no, non era il nottetempo 😉

    @GS: ci mancava solo la signora in giallo e poi sì che mi preoccupavo! 😀

  4. Anvedi tutte le case col quadratino d’ingresso davanti e il giardinetto lungo e stretto di dietro! più British di così!

    (sono contenta che cmq tu ne sia uscito illeso ;P)

  5. OsteLinus: Ah già! Scordavo che questo è solo un blog e non la pergamena magica per la condivisione della conoscenza di _dave_ 🙂

  6. caro _dave_: l’ostentazione di sapere, come presunto appartenente ad un’elite di persone nettamente superiore e unte dall’alto, non ti si addice. abbi quindi la decenza di non sbruffoncellare…. expelliarmus!

  7. Carino questo template 😉

    E comunque ogni tanto questi autisti sono un po’ bizzarri… Anche fermarsi all’improvviso e intimare a tutti di scendere per salire sull’autobus dietro non è mica da poco (facendoci regalare 90p alla tfl :p )

  8. Noooo!!! hai perso un’occasione d’oro per vivere da protagonista un’avventura londinese.

    Poteva succedere di tutto! Il pulmino poteva essere diretto in un’astronave aliena invisibile parcheggiata “a pelo” del Tamigi e potevi essere il primo terrestre a visitare il loro pianeta. Invece ora saranno i passeggeri perplessi(TM) ad avere l’onore…

    La prossima volta pensaci 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *