Fiat lux

A giudicare dal blog la mia vita londinese sembra molto più eccitante di quanto non sia in realtà. Per lo più, passo la maggior parte del mio tempo chiuso nel nuovo edificio di Computer Science della UCL.

Malet Place Engineering Building

A proposito. Scampandomi gli affolati trasporti mattutini, sono spesso il primo ad arrivare nel mio ufficio, che condivido con un’altra mezza dozzina di persone. Trovo la porta chiusa a chiave, e le luci spente. Ora, della porta ho la chiave, ma per quanto riguarda le luci… non c’è l’interruttore. Semplicemente entro, e dopo un po’ si accendono da sole.

Research office

Non capisco in base a che criterio si accendano o si spengano… sarà un rilevatore di movimento? Ma una volta seduto non è che mi muovo tanto, si dovrebbero spegnere nuovamente.

A dire il vero una volta che sono rimasto solo particolarmente a lungo, si sono spente di nuovo. E ora mi sorge un dubbio…

Sarà mica un rilevatore di attività cerebrale?

5 commenti su “Fiat lux

  1. Eheh perche’ no 🙂
    Magari e’ un sensore messo alla porta che conta quanti entrano e quanti escono, cosi’ sa sempre il conto di quanti sono dentro (come ai musei).
    E magari quella volta che sei rimasto solo…. il sistema avra’ pensato che stavi giocando ad UT e quindi ha pensato di farti un favore spegnendo le luci 😀

  2. @OsteLinus: forse mi hanno reso una oyster card vivente? … sarebbe una figata!

    Cmq ho appurato che si tratta di un rilevatore di movimento, ma molto dozzinale, e che gira per la stanza un telecomando atto a forzare accensione e spegnimento 😉

  3. Sulla oyster card vivente non sarei tanto felice di esserlo….Ricordi Minority Report? “Salve sig. Tanaka, venga a vedere che bei vestiti abbiamo…” ecc… Inquietante, ma ci stiamo avviando proprio verso quello che pensavamo fosse fantascienza.

  4. Già… la oyster, anche non vivente, salva tutti i tuoi movimenti, e li puoi anche consultare… per il momento non l’ho registrata quindi non è associata a me, ma se penso a tutti i servizi online che uso, se fossi un paranoico della privacy non dormirei certo tranquillo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *