Il paradiso dell’ombrello

Secondo l’immaginario collettivo a Londra piove sempre. Devo dire che se Febbraio e Marzo hanno fatto di tutto per smentire questo pregiudizio, Aprile e ora Maggio si sono fatte foriere di un’ondata conservatrice per cui è stato ristabilito un regime di pioggia frequente.

Tuttavia, va detto che qui, in genere, piove per poco e si tratta comunque di una pioggerellina molto leggera. La gente infatti non sta neanche a tirare fuori l’ombrello — una manata fra i capelli umidicci e via, pronti per ricominciare.

Sulle prime ho cercato anch’io di adattarmi a questa tradizione locale. L’altro giorno però la cosa stava cominciando a prendere una piega ridicola: una pioggia più forte del solito mi ha ricordato che uno non si può improvvisare inglese così, ad estro. Questi sono temprati da un’infanzia passata ad entrare ed uscire dalle piscine vestiti.

Così, mentre la gente passeggiava tranquilla bagnata fradicia, ho avuto questa apparizione:

James Smith, sticks and umbrellas

Vedere questo posto e comprare un ombrello è stato un tutt’uno. Ora si aprono le scommesse per quanto durerà — l’ombrello, visto che il negozio è lì da 178 anni e dubito che avrà motivo di chiudere a breve.

8 commenti su “Il paradiso dell’ombrello

  1. Il vecchio G.S. si sarebbe commosso di fronte ad un posto del genere.
    Poi si sarebbe ricordato che il vecchio G.S. non si commuove.
    E l’avrebbe distrutto.

  2. Giorgio mi hai rubato la battuta: volevo scrivere che ti saresti commosso eheh

    Comunque magari in un negozio cosi’ grosso avranno anche ombrelli per mancini, che come e’ risaputo sono rarissimi…

  3. @cristina: grazie… mi spiace che vi siate beccati tutta questa pioggia… in questi giorni si susseguono giornate bellissime, in compenso si schianta dal caldo! Comincio a temere che questo loculo diventi un forno, fra qualche settimana…

    @gs: a meno che non si fosse autodistrutto prima in preda alla contraddizione (Futurama docet).

    @happy_emi: vendono anche tanti bastoni, e sappiamo bene quanto giovanili siano le nostre frequentazioni, vero?

    @lookdown: sai che prima di riconoscere nel tuo intervento un lodevole contributo alla discussione, mi era quasi venuto il dubbio che fosse un bieco tentativo di pubblicizzare la finale di Emergenza Rock Festival, l’11 maggio a Prato, dove suoneranno i tuoi Barbarossastraße?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *