4 commenti su “Pseudoaracnofilia

  1. Si chiama ‘karma’, Dave. Meno creature disturbi, meglio è ;-D (Io ovviamente le distruggo a mani nude, ma non si può dire che il mio di karma sia tanto lindo e pinto)

  2. In realtà Cristina distrugge a mani nude solo le zanzare che non hanno effetti deleteri sul karma! 🙂 Per il resto lei prende gechi ed affini con le mani…cosa che io non riuscirei a fare! 😛

    Questa storia del ragno mi ricorda che una estate in Puglia avevo visto un ragno “enorme” nero con una macchia bianca che stava facendo la sua tela su una pala di fico d’india. Ogni giorno passavo di li e mi faremavo a vedere come “lavorava”. A parte l’aspetto inquietante del ragno, ero affascinato…ed ovviamente non l’ho disturbato 🙂

    Diverso il caso di una vespa che stava facendo il suo nido sul bordo della finestra della cucina. Ogni giorno all’ora di pranzo (vero!) veniva a fare crescere un pò le cellette. Mi piaceva molto vederla. Poi però il nido è cominciato a crescere un pochino troppo…e l’ho rotto!…beh…dopo un mese ha ricominciato d’accapo…ma io poi ho lasciato quella casa e non so come sia finita la storia! 🙂

  3. A me fa paura qualunque animale vivente che non sia l’uomo, pur avendo passato l’infanzia in campagna 😀
    Questo, fra l’altro, ha posto fine al mio sogno da adolescente di fare l’avventuriero nella foresta amazzonica: gli animali sono gli stessi che abbiamo anche noi in Italia, ma in formato x3.
    (sogno adolescenziale nato per le troppe letture delle avventure di Indiana Pipps, ma questa è un’altra storia…)

  4. @cristina: è un karma un po’ peloso però 😉

    @Tokai: ma infatti sinceramente gli insetti per me sono affascinanti… ma fuori da casa mia 🙂

    @happy_emi: e però mi sa che invece l’uomo è fra i più pericolosi alla fin fine!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *